CHIAMACI
SCRIVICI
APERTO TUTTO L'ANNO

Tel: +393337781148 

Lun - Ven: 08.00 - 16:00

LA VACANZA STUDIO
IN ITALIA SENZA PROBLEMI
CORSI DI ITALIANO A REGGIO CALABRIA
I NOSTRI
SERVIZI
PAGAMENTI
ACCETTATI
  • Facebook - Bianco Circle
  • Vkontakte - Bianco Circle
  • Instagram - Bianco Circle
  • YouTube - Bianco Circle

ESCURSIONI

APPARTAMENTI

CARTA DEL TURISTA

LEZIONI PRIVATE

SERVIZIO TRANSFER

GUIDA TURISTICA

ASSISTENZA

MASTERCARD

AMERICAN EXPRESS

PAYPAL

VISA

TRASFERIMENTO BANCARIO

© 2019 by Reggio Holiday Study. Design by FF

REGGIO CALABRIA E DINTORNI

Lungomare Reggio Calabria

Un esempio di armoniosa perfezione. La felice unione di Art Nouveau e edifici in stile classico e la variegata e maestosa vegetazione scendono verso il suggestivo mare dello Stretto di Messina, con la Sicilia sullo sfondo.

Museo Nazionale Magna Grecia

Tra i musei più importanti d'Italia, ospita un vasto patrimonio di reperti portati alla luce negli ultimi cento anni di attività archeologica sul territorio regionale. La sezione sull'archeologia marina è piuttosto straordinaria con le famose statue dei Bronzi di Riace come elemento culminante.

Corso Giuseppe Garibaldi

Corso Garibaldi, o semplicemente "il corso", è una delle arterie principali di Reggio Calabria, sia in relazione alla viabilità cittadina sia dal punto di vista economico-commerciale.

Ricostruita dopo il terremoto del 1908, la strada collega la parte nord di Reggio con quella sud, con un percorso di circa due chilometri, molti dei quali esclusivamente pedonali. La strada scorre parallela al lungomare. Lungo di essa si apre piazza del Duomo, con la Basilica Cattedrale, uno degli edifici religiosi più importanti della città e dell'intera regione, e si può ammirare anche la Chiesa di San Giorgio al Corso, dedicata al Santo patrono di Reggio Calabria.

Ma Corso Garibaldi a Reggio è anche la via dello shopping e dello struscio, delle passeggiate: lungo questa strada ci sono i più importanti negozi del capoluogo, oltre a bar e caffè. Chi vuole rilassarsi, invece, può fermarsi alla Villa Comunale Umberto I.

Castello Aragonese

Una costruzione sopravvissuta a catastrofi naturali e demolizioni, il Castello conserva ancora intatta la sua struttura militare e il suo fascino. Oggi è utilizzato per importanti mostre.

Nelle Vicinanze...

Reggio Calabria è situata nel cuore del Mediterraneo, tra il mare e la montagna. Si tratta di una terra ricca di profumi e colori. Anticamente nota come "Calabria Ulteriore Prima", la provincia di Reggio Calabria ha la più alta densità abitativa della Regione. A Ovest si affaccia sul Mar Tirreno, a Sud e a Est sullo Ionio, a Nord est confina con Catanzaro e a Nord-ovest con Vibo Valentia. A Sud- ovest dista dalla Sicilia solo 3,2 chilometri.

Il territorio è caratterizzato da fitti boschi di castagni, faggi, lecci e abeti bianchi, che si alternano a coltivazioni di olive e viti, fiumare secolari e strapiombi costieri coperti di felci, ginestre, corbezzoli, mirti, oleandri e fichi d'India. La striscia costiera compresa fra Villa S. Giovanni e Gioiosa ionica è l'habitat naturale per la coltura del bergamotto. 

Le fiumare sono un tratto distintivo della provincia, dai monti al mare. Il loro corso, anche se breve, percorre grandi dislivelli, creando vasti avvallamenti nel suolo. La più grande fiumara dell'area grecanica è l'Amendolea, che sfocia a Condofuri Marina, disegnando sul territorio un enorme nastro argentato di ciottoli costeggiato da piante di agrumi e di ginestra. Anche la Locride è disseminaa di fiumare, come La Verde, tra Bianco e Samo, caratterizzata da gole spettacolari.

Altra nota caratteristica della provincia è l'area della costa tirrenica, con i terrazzamenti costruiti sulle colline a strapiombo sul mare. Questo tratto si chiama Costa Viola, per via dei riflessi che soprattutto al tramonto colorano il mare. 
Gran parte della zona di Reggio Calabria è costituita dal Parco nazionale dell'Aspromonte, con ettari di foreste di pino sul lato tirrenico e faggeti su quello ionico. 

La zona di Tauro, infine, presenta una grande varietà di paesaggio ed è famosa per la produzione tipica delle clementine. La Piana di Gioia Tauro comprende terre molto fertili, grazie alla bonifica avviata nel 1818 dal marchese Nunziata e proseguita nei decenni successivi da parte dello Stato.